Warning: A non-numeric value encountered in /web/htdocs/www.ilcentrodemocratico.it/home/wp-content/themes/flawless-v1-18/include/gdlr-admin-option.php on line 10

Warning: A non-numeric value encountered in /web/htdocs/www.ilcentrodemocratico.it/home/wp-content/themes/flawless-v1-18/include/gdlr-admin-option.php on line 10
Centro Democratico » Difesa, Capelli: ottima conferma Ministro, caserma Pratosardo resta ai militari

Difesa, Capelli: ottima conferma Ministro, caserma Pratosardo resta ai militari

“Siamo molto soddisfatti per le definitive parole di chiarezza che oggi il ministro della Difesa Roberta Pinotti ha pronunciato in Aula alla Camera sulla caserma di Pratosardo. Il ministro ha confermato che ‘a breve uno dei corpi delle Forze armate e non altri occuperanno la caserma’ nuorese all’interno di un piano di riorganizzazione della presenza militare in Sardegna”.

E’ quanto dichiara in una nota l’on. Roberto Capelli, deputato di Democrazia Solidale-Centro Democratico, in seguito al Question time alla Camera col Ministro alla Difesa sulla presenza dei militari in Sardegna, con particolare riferimento all’utilizzo della caserma di Pratosardo Nuoro.

“Ringraziamo il ministro Pinotti per l’impegno preso e per aver ribadito l’impegno dei suoi uffici – attraverso un tavolo di concertazione – per la predisposizione dell’accordo tra Stato e Regione per rideterminare la presenza militare in Sardegna. Una presenza che lo stesso ministro ha definito importante anche dal punto di vista economico e che ha bisogno di una ridefinizione anche sul fronte delle misure di riequilibrio e di armonizzazione”.

“Tra gli impegni presi dalla rappresentante del Governo oggi alla Camera – continua Capelli –  c’è anche quello di lavorare con la Regione per una definizione delle attività dei poligoni con una riduzione dell’attività di fuoco e un aumento di quella simulata. Un programma che il ministro Pinotti ha definito interessante e che noi ci auguriamo diventi realtà nel più breve tempo possibile, in modo da permettere di bonificare e liberare grosse aree della nostra regione da attività molto pericolose per il territorio”.