Warning: A non-numeric value encountered in /web/htdocs/www.ilcentrodemocratico.it/home/wp-content/themes/flawless-v1-18/include/gdlr-admin-option.php on line 10

Warning: A non-numeric value encountered in /web/htdocs/www.ilcentrodemocratico.it/home/wp-content/themes/flawless-v1-18/include/gdlr-admin-option.php on line 10
Centro Democratico » Follonica, CD: A rischio casse comunali se decade convenzione ippodromo

Follonica, CD: A rischio casse comunali se decade convenzione ippodromo

“Sulla vicenda dell’ippodromo di Follonica e sui rischi economici per il Comune in caso di decadenza delle convenzioni si incomincia a parlare ora. Ma noi avvertimmo certi pericoli già due anni fa ma non fummo presi nella giusta considerazione”. Lo affermano in una nota Centro Democratico, Psi, Udc e Verdi.

“Oggi una tv locale – si legge in una nota – riporta di vicende legate a un utilizzo non conforme delle foresterie tali da produrre la decadenza della convenzione con il gestore e un conseguente accollo da parte del Comune dei costosissimi mutui che sconquasserebbero le casse comunali. Lo stesso sindaco dichiara che la pratica è in mano ai legali del Comune per valutare il da farsi. Notizia che, se verificata, fa accapponare la pelle”.

“E’ evidente – proseguono CD, Psi, Udc e Verdi – che questa amministrazione, in quanto direttamente coinvolta nella vicenda ippodromo, non potrà risolvere il problema. Considerato i rischi per la popolazione perché a distanza di due anni non è stato fatto niente e non si è cercato di scongiurare questo pericolo? E, mentre si incomincia a parlare di programmi elettorali (con annesse promesse), a scrivere libri dei sogni (e qualcuno già ci crede) nessuno vuole interrogarsi seriamente su come si possa uscire da questa storia dalla cui risoluzione passa buona parte del futuro e dello sviluppo di Follonica”.

“Intanto, però, ippodromo per ippodromo i tigli di via Massetana che portano al vecchio circuito rischiano di fare una brutta fine. Patrimonio naturale, i tigli costituiscono un elemento caratteristico della città. Un biglietto da visita di cui non vogliamo privarci. L’amministrazione si prenda una pausa di riflessione prima di procedere al taglio definitivo”, conclude il comunicato.